La storia del Tennis Tavolo Coccaglio

Il Tennis Tavolo Coccaglio è attualmente presieduto da Ferdinando Merenda, con all'attivo una decina di soci, una quarantina di tesserati e una trentina di amatori. E' simbolo e un motivo d'orgoglio in ambito sportivo, ma non solo, ma per l'intero paese.

L'ufficiale costituzione risale all'ottobre 1978, quando un nutrito gruppo di amatori (tra i promotori figuravano l'attuale presidente Merenda, affiancato da Enrico Donghi, Luciano Massetti e Arturo Lancini) decise di impegnarsi affinchè i sempre più numerosi appassionati di questo sport (in particolare gli appartenenti al gruppo «Focolare Coccaglio» nato nel 1975 all'intemo dei locali dell'omonimo oratorio, appoggiati dall'allora parroco don Mario Pelizzari e dall'assessore allo Sport Lino Lovo) potessero entrare a far parte di una vera e propria associazione, con tutte le carte in regola.

È proprio con l'iscrizione alla FITET (Federazione Italiana Tennis Tavolo) che per il sodalizio coccagliese si aprirono nuovi orizzonti: gli amichevoli tornei del CSI si trasformano in vere sfide per categoria e iniziano ad emergere e a distinguersi grandi talenti del vivaio locale.

Si partì nel 1980 con la serie D2, la categoria base maschile, riuscendo rapidamente a fare tutta la trafila fino alla B1. Nel frattempo, grazie alla grinta e alla tenacia dell'allenatrice Anna Corbetta, anche la neo categoria femminile (avviata parallelamente nel 1982) prendeva quota fino a raggiungere, con immensa soddisfazione (e nel giro di soli tre anni), la serie A.

Il vero punto di svolta nella storia agonistica si realizza nel 1985: le atlete della squadra femminile di serie A cominciano infatti ad aggiudicarsi importanti traguardi a livello nazionale ed europeo, tra cui:

  • nel 1989, il primo scudetto, conquistato in terra sarda battendo la «4 Mori Cagliari» sul risultato di 3-2. Un alloro replicato nel '92 e nel '95.
  • Sempre al '92 risale la partecipazione alla Coppa dei campioni, manifestazione che ci vide inciampare ai quarti di finale, durante l'ostica trasferta tedesca contro la «In Freundschaft Steinhagen», poi vincitrice del titolo europeo.

Sponsor

Evoluzione TelematicaAlghisiMacDonaldSaraOfficinaThinsoft soluzioni intranet extranet internet per l'organizzazione aziendale e l'ottimizzazione dei processiDonghiPieffe